fbpx

La Cina è un mercato potenzialmente sterminato, che offre enormi possibilità di crescita ed espansione ad aziende di tutto il mondo. Ma come si fa marketing in Cina, considerate le differenze tra culture e mezzi di comunicazione disponibili?

Altri media, social e un diverso livello di controllo

Per la sua configurazione politica, fare marketing in Cina utilizzando Facebook o Google non è possibile. Non solo perché moltissime delle piattaforme sono oscurate, ma perché, anche se non lo fossero, gli utenti sarebbero radicalmente più attivi su portali “gemelli” nati nel paese stesso.

Inoltre, è necessario prepararsi ad un diverso livello di controllo dei contenuti. Se in Europa sono relativamente pochi gli argomenti di cui non è possibile fare pubblicità (basta pensare a tabacchi o armi), e le regole per le pubblicità a pagamento sui social sono bene o male arginabili, la situazione in Cina è completamente diversa.

Il canale da tenere maggiormente d’occhio è WeChat. La popolazione che ospita è pari a tre volte quella degli Stati Uniti.

Le tre grandi caratteristiche di WeChat sono:

  1. l’esperienza personalizzata one-to-one: ogni annuncio, notizia, proposta viene accuratamente proposta tramite un sistema algoritmico predittivo, che analizza le abitudini di ricerca e acquisto del singolo utente;
  2. la multicanalità: su WeChat si chatta con gli amici tanto quanto si paga un taxi, si acquista la spesa e si salda il conto dell’affitto. In un certo senso, le varie funzioni di WeChat sostituiscono tutti i sottobrand di Google;
  3. la completa disponibilità per mobile: tutto il sistema WeChat viaggia su mobile, e non su computer o laptop. Dunque, i contenuti scelti devono essere sempre ottimizzati per la visualizzazione da smartphone.

Sconti e promozioni per il marketing in Cina

Da ricerche emerge che i consumatori cinesi sono più di altri attirati da offerte, promozioni, sconti e coupon. Si tratta di una strategia con ritorni numerici infinitamente superiori alle campagne standard: un aspetto da tenere in considerazione, parlando di promozioni stagionali e pricing.

Alibaba: il colosso dell’e-commerce

Gli e-commerce in Cina sono per il 75% gestiti da Alibaba, una delle piattaforme di marketplace più vaste al mondo.

I due tool più indispensabili per posizionarsi su Alibaba sono TaoBao e Xiaopu. Tramite questi tool è possibile creare un catalogo facilmente condivisibile in forma di QR Code.

Videoexperience nel marketing in Cina

Videoexperience e storytelling sono due caposaldi del marketing in Cina. Un’esperienza utente contraddistinta da immagini di altissima qualità, racconto del brand a partire da una narrazione strutturata e dalla possibilità di usufruire di contenuti usando più device contemporaneamente, in interazione continua, sono elementi imprenscindibili per pianificare una strategia di ampio respiro per questo mercato.

 

RightBrainCommunication

Author RightBrainCommunication

More posts by RightBrainCommunication